CHI SIAMOARTISTIDISCOGRAFIALINKSSHOPSTORIAFILOSOFIA
 
 


Renato Franchi & Orchestrina del Suonatore Jones

Con un bel nome d'avventura
16 aprile 2018
CD Album
Etichetta: LATLANTIDE (P) 2018
Catalogo: LAT 287
Editore Musicale: © LATLANTIDE


 

Voci Forti e Ribelli, Chitarre Elettriche e Acustiche, Basso, Pianoforte, Hammond Organ, Tappeti Sonori, Drumming energici e sognanti che corrono veloci sui sentieri tracciati da canzoni, storie d’amore e di libertà, sono il risultato finale di un lavoro che strada facendo ha assunto un particolare e forse originale sapore creativo artistico e culturale, per certi versi unico nel panorama nazionale.
Renato Franchi & l’Orchestrina del Suonatore Jones, in bella compagnia delle voci ribelli della vocal band “Voci del Partigiano”, ensemble nata da un’idea di Renato Franchi in collaborazione con la sezione Anpi di Rescaldina, dopo viaggi concerti, palchi, strada, polvere e canzoni, fissano su un ‘album vibrante di forte impatto, con sonorità Rock / Blues d’Autore, emozioni e vibrazioni del cuore, pescando dall’immenso mare della grande canzone d’autore e popolare italiana
L’album, le musiche, le canzoni, gli arrangiamenti, le voci partigiane che incontrano chitarre e batterie rock, vestono undici canzoni, legate da un unico filo rosso, quello delle grandi storie d’amore e di libertà,.
Amore e libertà, come i fiori e i sogni di tanti ragazzi che hanno lasciato il cuore, le loro case per salire sui monti …con un bel nome d’avventura… per dare al nostro paese la libertà.
L’album è composto da canzoni originali, con liriche e musiche scritte da Renato Franchi e brani di autori come Bertoli, Bubola, De Andrè, Gianmaria Testa, Gang , Castelnuovo, Fausto Amodei e due canzoni in omaggio alla cultura popolare, arrangiati e rivisitati con un tocco originale e personale, da Renato e i suoi compagni di viaggio.
Un Album di musica suoni e racconti, sospesi tra sogno, fantasia, realtà, storie di rabbia e d'amore, di fatica, di lavoro, di guerra e di pace, di vissuto quotidiano e personale, che viaggiano e volano come usignoli che cantano nel vento del grande cielo della canzone d'autore italiana e internazionale.
Il Sound delle 11 tracce tutte riarrangiate e rivisitate con amore e rispetto, vive dei forti richiami musicali e sonori del rock mondiale e popolare, che sono da sempre nel cuore e nelle corde della vocal band e di Renato e i suoi.
Nelle canzoni emergono atmosfere Beatlesiane, il Sound Rock all’Americana, il Soul, il Rhitmy and Blues, la melodia e la cultura popolare, Il tutto arricchito dai vocalist delle “Voci del Partigiano”, sapientemente dosati nella trama di una accattivante miscela di sonorità Folk/ Rock/Blues, stile tipico e originale dell’Orchestrina del Suonatore Jones.

1- Con Un Bel Nome D’Avventura
Il Mood del brano costruito su un andamento blues, parte con un riff di chitarra che urla verso il cielo, un drumming potente di batteria e basso elettrico, pianoforte e hammond, che con l’urlo dolce e deciso della vocal band, sottolinea le assurdità e le atrocità della guerra e delle ingiustizie del mondo.
La canzone composta da Renato e Enrico, è un esplicito riconoscimento a tutti quei ragazzi e ragazze che nella stagione della Resistenza, hanno dato la vita per un avvenire di pace, libertà e democrazia. Un omaggio all’ANPI e ai partigiani di ieri , di oggi e di domani.

2- Le Stagioni di Anna Frank
Un Pianoforte leggero come il volo di una piuma, voci e chitarre acustiche, ci portano li nel cielo e nelle stagioni di questa bambina e di tutti i bambini volati nel vento. Le “Voci del Partigiano” danno a questa canzone scritta da Renato Franchi, ancora tanto inchiostro colorato per le pagine di un diario che Anna continua ancora a scrivere. Perché Anna è… come il vento che accarezza l’aurora, e anche se il vento è tempesta, e Anna sorride ancora…. Ciao Anna Frank

3- Nina
Un Pianoforte, un basso elettrico, la voce narrante e suggestiva di Gemma Girolami della vocal band, l’interpretazione evocativa e struggente di Renato, ci trascinano nella commozione del racconto cantato di questa struggente e bellissima canzone e storia d’amore scritta da Mario Castelnuovo, un cantautore forse un po dimenticato, E su questo il nostro paese, e il mondo della canzone e della cultura dovrebbe un pò interrogarsi e vergognarsi.

4- Marenostro
Grande canzone dei Gang di Marino e Sandro Severini, tutta cantata dai vocalist delle “Voci del Partigiano”, che si alternano nelle parti soliste per esplodere con voci di tuono nelle bellissime parti corali.
Il brano e una straordinaria preghiera al mare, affinchè lasci arrivare i figli del mondo, sule spiagge
della speranza.
Le Voci corali, un ritmo di batteria e basso, incalzante come le onde del mare in tempesta, un violino struggente come il pianto di un bimbo nella notte, fanno di questo brano, un’emozionante racconto d’emigrazione, sostenuto dalle sonorità che arrivano dal Rock del mondo.

5- Fiume Sand Creek
Il classico di Bubola e De Andrè, la storia di un massacro del 1800, che esce dalla sua storia e si colloca nelle storie di oggi.
La rivisitazione di questa canzone bellissima, ha colpito anche i musicisti dell’Orchestrina e Renato. Dopo la registrazione, il suono dei violini, l’andamento lento, le risposte corali, e la voce di Renato, chiudendo gli occhi ci si trova direttamente in un villaggio di pellerossa d’America, o nelle strade dei masscacri in Siria, nel mezzo del fanatismo terroristico del Bataclan, o delle Ramblas di Barcellona.
La canzone e dedicata a tutte le vittime del massacri, delle guerre e del terrorismo.

6- Al Mercato di Porta Palazzo
Una storia d’emigrazione, che racconta della nascita di un fiore al mercato di Porta Palazzo di Torino, ma potrebbe essere un qualunque luogo,,città o spazio.
Il tutto miscelato da un riff di chitarra elettrica , scandito su un potente drumming di basso e batteria, con un’esplosione di voci nel bridge centrale , sottolineate dalla fisarmonica. Questi ingredienti, fanno di questo brano del compianto cantautore capostazione Gian Maria Testa, una coinvolgente ballata folk rock che invita alla danza.

7- Per I Morti di Reggio Emilia
Un ritmo in battere martellante di batteria, una chitarra acustica, la voce di Renato e la risposta delle “Voci del Partigiano” fanno di questa canzone di Fausto Amodei, un grand inno, un doveroso ricordo dei morti nella lotta di Resistenza Partigiana e dei lavoratori uccisi durante le manifestazioni.

8- Eppure Soffia
Una cadenza trascinante e rallentata, un riff inconsueto del basso elettrico, ritmiche sognanti e la cascata corale delle”Voci del Partigiano” nell’incipit centrale, sono l’omaggio di Renato e i suoi compagni dell’Orchestrina a Pierangelo Bertoli e alla sua straordinaria canzone ecologista, pacifista e d’amore di Pierangelo Bertoli.

9- Passi nel Mattino
Si parte con un dolce incipit di pianoforte per l’introduzione di questa storia vera, cantata dalla suggestiva voce di Marino Severini che duetta con Renato sorretti dagli interventi vibranti della vocal band.
La canzone è il racconto cantato con rabbia, dolore e commozione della vicenda del 10 Agosto del 1944 in Piazzale Loreto a Milano, dove i fascisti e i nazisti trucidarono all’alba 15 persone per rappresaglia, presi a caso tra Operai, Impiegati, Commercianti, Antifascisti e gente comune.
Il testo e un omaggio alla Resistenza partigiana, a tutte le persone che hanno perso la vita per darci una società democratica, senza guerre e senza violenza ,che hanno fatto la storia del nostro paese come i 15 “Ragazzi” di Piazzale Loreto qui ricordati uno per uno con il loro nome e cognome e professione.

10- Ta Pum
Un suggestivo intro di colpi di cannone e di mitraglia, ci portano come in un film dentro una trincea e il seguire dell’arpeggio dolce di una chitarra classica a sostegno della voce di toccante Renato, fanno di questo commovente canto alpino della prima guerra mondiale una grande opera rock.
Infatti ad un attento ascolto ci si rende conto che la struttura armonica e la melodia, di questa canzone non hanno nulla da invidiare a grandi brani del rock mondiale, L’arrangiamento proposto ha il sapore degli Stones,di Dylan, con richiami al grande John Lennon.
La bellissima Traditional Song rivisitata in un’atmosfera Soul / Blues, sembra un film oltre ad essere un patrimonio della canzone popolare Italiana troppo spesso dimenticata. Viene qui proposta dall’Orchestrina del Suonatore Jones e dalle “Voci del Partigiano” in omaggio e nel ricordo di tutte le vittime delle sporche, maledette e incomprensibili guerre, che ancora oggi insanguinano il pianeta.

11- Amor Dammi Quel Fazzolettino
Omaggio alla grande canzone della nostra tradizione e cultura popolare, Una storia d’amore esplicito scandito dal ritmo del lavoro e dell’acqua che scorre, proposta con un arrangiamento folk Rock fatto di grandi chitarre e voci corali, che ci portano dentro l’allegria di una festa di paese.

Voci del Partigiano Vocal Band

Aurora Lo Prete, Ezia Moroni, Marta Roversi, Gemma Girolami,
Alberto Roversi, Marta Franchi, Cristina Dall’Orto, Renata Pasquetto,
Walter Porcelli, Cristian Visentin, Flavio Corasaniti, Enrico Frascoli,
Alessandro Tinti, Pietro Castelli, Vanni Balboni

Renato Franchi & Orchestrina Suonatore Jones

Renato Franchi - Voce & Chitarre
Marta Franchi - Tinwhiste, Flauti & Cori
Viky Ferrara - Batteria & Cori
Gianni Colombo - Organo Hammond, Pianoforte, Keyboards
Roberto D'Amico - Basso Elettrico
Gianfranco D’Adda - Percussioni, Colori e Ritmi
Enrico Ronzoni - Chitarre Elettriche, Slide Guitar, Mandolino


Artista: RENATO FRANCHI & ORCHESTRINA DEL SUONATORE JONES
Titolo Album: “CON UN BEL NOME D'AVVENTURA”
Etichetta: LATLANTIDE (P) 2018
Catalogo: LAT 287
Editore Musicale: © LATLANTIDE PROMOTIONS
Genere: Folk Rock - Musica D’Autore
Supporto: CD album
Data di Uscita: 16 aprile 2018

Tracking List Album “CON UN BEL NOME D'AVVENTURA”:
RENATO FRANCHI & ORCHESTRINA DEL SUONATORE JONES:


1. Con un bel nome d'avventura (Franchi Renato)
2. Le stagioni di Anna Frank (Franchi Renato)
3. Nina (Castelnuovo Mario)
4. Marenostro (Severini Alessandro - Severini Marino)
5. Fiume Sand Creek (Bubola Massimo - De Andrè Fabrizio)
6. Al mercato di Porta Palazzo (Testa Gianmaria)
7. Eppure soffia (Bertoli Pierangelo)
8. I passi del mattino (Franchi Renato)
9. Ta Pum (Puccinelli Nino)
10. Per i morti di Reggio Emilia (Amodei Fausto)
11. Amor dammi quel fazzolettino (Franchi Renato)

 
CHI SIAMOARTISTIDISCOGRAFIALINKSSHOPSTORIAFILOSOFIA
 
LATLANTIDE PROMOTIONS SNC - P.IVA 02936730163